Calendario

<<  Novembre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

Login



mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi62
mod_vvisit_counterQuesta settimana62
mod_vvisit_counterQuesto mese3072
mod_vvisit_counterDi sempre2016181

We have: 5 guests online


9° CONCORSO NAZIONALE PER ARTISTI E COMPAGNIE EMERGENTI

PER SCEGLIERE IL VINCITORE SERVE IL TUO VOTO!!

 

Caro Spettatore,

ritorna TeatrOfficina, il Festival a Concorso nato da un’idea di Semeion Teatro con lo scopo

di dare spazio a giovani attori e compagnie emergenti offrendo loro uno spazio di

rappresentazione e un’occasione di confronto con il pubblico.

Crediamo fortemente in questo nostro piccolo sogno, in questo progetto che cerchiamo di

accudire, di far crescere, e per questo investiamo su questi giovani che hanno scelto di fare

del teatro non solo la loro PASSIONE ma innanzitutto il loro LAVORO.

Anche quest’anno moltissime compagnie teatrali provenienti da ogni parte d’Italia, e

persino  dall’estero, hanno risposto al nostro appello inviandoci i video dei loro spettacoli.

Tra questi ne abbiamo selezionati quattro che avrai l’opportunità di vedere presso

l’Auditorium Comunale. A te, caro spettatore, chiediamo di non mancare, di condividere con

noi emozioni, riflessioni e, soprattutto, di esprimere il tuo giudizio sullo spettacolo che avrai

appena visto contribuendo, insieme a una giuria, alla proclamazione del vincitore del

concorso. Ti chiediamo di partecipare perché il Teatro senza di Te, seduto sulle poltrone

rosse al buio silenzioso della sala, non può esistere…perché il Teatro è Incontro.

Ti aspettiamo quindi in Auditorium come spettatore ma anche come critico osservatore delle

rappresentazioni teatrali, fiduciosi che ci sosterrai in questa sfida che saprai apprezzare la

fatica e l’entusiasmo di questi giovani attori che si adoperano, con tenacia, a portare avanti

l’antico e affascinante mestiere del teatrante.


Non dimenticare questo appuntamento!

Semeion Teatro


 

 

VENERDì 04 NOVEMBRE 2022 ORE 21.00

Dimore creative

JEKYLL LU DUTTURI

Di e Con: Pietro Cerchiello

Musiche Originali eseguite dal vivo: Marina Boselli

Un uomo è al centro della scena. Lui prende fiato, starebbe per parlare, dire qualcosa. Ma poi ci ripensa. Perché? “Perché per tardare la fine, bisogna tardare l’inizio” dice l’uomo. L’inizio di una lunga confessione, che lo porta a ripercorrere gli eventi più significativi della sua esistenza. Jekyll Lu Dutturi è la storia di Giacomo Nicchio, figlio di pastori, nato e cresciuto a Sant’Antonio del Porcello, un piccolo paese in provincia di Canicattì. Le scelte da lui fatte, le pieghe della vita, lo portano oggi davanti ad un agente di polizia: a tardare l’inizio della sua confessione, per tardarne la fine. L’uomo inizia a raccontare dal principio: dal 10 maggio 1924. Giorno della sua nascita, tra le grida e la festa per l’arrivo di Benito Mussolini a Canicattì. Racconta dell’infanzia, dei fratelli Primo e Ultimo. Del padre, grande sostenitore del fascismo, partito per la guerra e mai tornato. Degli studi, dell’amore, del sogno di avere un giorno un figlio. Della grande povertà e dell’inaspettata ricchezza. Di Don Pilato, della politica…e della mafia. Di un sistema più forte della Chiesa, dello Stato. Di un sistema che tanto gli ha dato, ma che tutto gli ha tolto. Una storia che ha luogo nella Sicilia degli anni ’20, ma quanto mai attuale. Una storia che attraverso un linguaggio poetico e ironico, goffo e istintivo, rabbioso e malinconico, il protagonista racconta. Una storia semplice, che parla di ieri, per parlare all’oggi.

 

 

VENERDì 11 NOVEMBRE 2022 ore 21.00

Sara Parziani

ROMANZO DI UN’ANAMNESI

Di e con Sara Parziani

Questa è la storia di una bambina che diventa grande. Lungo un percorso di crescita in cui a segnare le tappe sono problematiche fisiche che con il tempo spariscono, si ripresentano, cambiano, ci si muove tra un mondo esteriore popolato da famiglia, ospedali, scuola e un mondo interiore popolato da storie e personaggi fantastici. Camminando tra questi due mondi, il desiderio di essere come gli altri e la fatica di capire qualcosa in più di sé, la bambina diventa grande confrontandosi, senza saperlo, con una “malattia rara”. Fin dalla nascita, ho presentato una serie di difficoltà motorie, e non solo, con le quali mi sono dovuta confrontare e che solamente in età adulta sono state raccolte come sintomi della Sindrome di Ehlers – Danlos, una malattia rara del tessuto connettivo. L’anamnesi medica, quindi, rappresenta certamente la trama narrativa di questo monologo autobiografico, che attraverso un’ironia poetica e surreale, trova una strategia per spiegare qualcosa di troppo grande per essere compreso. Un monologo che si stacca dai fatti e, con l’ausilio della fantasia, una delle armi più potenti che abbiamo, diventa un vero e proprio romanzo di formazione in cui quello che preme sono domande su di sé. Un monologo sui punti deboli, sulla fragilità, ma anche, soprattutto, sull’identità, sulla libertà di essere come si è e di poterlo raccontare. Infatti, è proprio quando ci sentiamo diversi, quando ci chiediamo “perché a me?” che scopriamo di avere in comune con gli altri le stesse paure, gli stessi dubbi, e la nostra domanda diventa, allora, “perché non a me?”.

 


VENERDì 18 NOVEMBRE 2022 ore 21.00

Carlo Decio

OTELLO pop tragedy

da William Shakespeare - adattamento Mario Gonzalez e Carlo Decio

METTETEVI COMEDY! L'Otello di Mario Gonzalez e Carlo Decio è uno spettacolo attuale, pungente, divertente e irriverente. Carlo Decio narra la celebre tragedia shakespeariana, interpretandone i 12 personaggi principali, uomini e donne. Come ai tempi della commedia dell’arte, lo spettacolo, grazie alla relazione con il pubblico e al luogo sempre nuovo, si presenta diverso ogni sera. Attraverso le tecniche di narrazione, il lavoro sul personaggio e l’arte del mimo, Carlo dipinge immaginari e personaggi epici. Spassoso e tragico, commovente e diretto, a tratti ruvido; è uno spettacolo che ironizza in modo intelligente e un po’ amaro sugli istinti più profondi della natura umana. Un lavoro magnetico, fatto di tutto ma fatto con niente. Un attore solo in scena che trascina il pubblico dentro un testo immortale, con accattivante ironia. Si susseguono nel racconto tematiche senza tempo: invidia, razzismo, sopraffazione, gelosia, desiderio di giustizia, violenza di genere e inganno. Uno spettacolo agile, moderno e versatile.

 

 

VENERDì 25 NOVEMBRE 2022 ore 21.00

Luci della Ribalta

UNA DIFFICILE COMMEDIA

Scritta e diretta da Guglielmo Lipari

Con: Vincenzo Triggiano, Anna Rapoli, Marco Abate, Mauro Collina

Una giovane coppia, formata da Francesco e Rosa, convive all’interno di una piccola ma originale
mansarda. Francesco è un uomo di trentotto anni, si occupa principalmente di start up ed ha un sogno: realizzarne una tutta sua. Rosa, di poco più piccola, fa l’infermiera in un piccolo paesino della provincia campana e sente la maturità giusta per fare un passo avanti nella propria vita e realizzare il suo desiderio di essere madre. L’equilibrio già precario tra i due verrà completamente stravolto quando si troveranno ad ospitare il fratello di lei, Antonio, per il periodo di assenza della madre, partita per un viaggio in Europa. Antonio soffre infatti di una particolare sindrome…
Attraverso ritmi incalzanti, tempi comici, gag e battute sottili emergono, tra le risate, quelli che sono gli universali disastri sociali della generazione dei trenta di oggi: un mondo del lavoro difficile, frustrante e senza prospettive, una conseguente vita sociale non pienamente soddisfacente, la difficoltà nel mettere al mondo un figlio e in generale nel seguire i passi che vengono socialmente imposti da una consuetudine non più al pari con i tempi.

 

 

VENERDì 02 DICEMBRE 2022 ore 21.00

Serata di premiazione con spettacolo fuori concorso


Servomuto Teatro
GAVROCHE

Con Marco Rizzo, Erica Meucci

Drammaturgia e regia Michele Mariniello

"Non era un bambino, non era un uomo; era uno strano monello fatato"

(VICTOR HUGO)

Il piccolo Gavroche, monello di strada e piccolo rivoluzionario rompe la “linea del male” con la sua famiglia di malavitosi. Con allegria, in un’esplosione di vita, rompe anche con una scuola che lo ingabbia, che affligge ogni periferia o bassofondo, con la catena degli obblighi e delle attese altrui. Le petit Gavroche di Hugo che moriva sulle barricate, nei moti parigini del 1832, ballando tra le fucilate, incarnava la tematica della libertà di un bambino scanzonato che vive alla giornata, e allo stesso tempo quella della morte nella rivoluzione. Il nostro Gavroche parte dalla rilettura di questa tematica dove la rivoluzione è cambiamento umano, dove la morte irrisoria, somiglia all’estinzione di quel generoso monello che è la nostra vocazione, avvenuta in tutti noi quando abbiamo capito che davanti alle barricate ci si fa male e ci siamo rintanati dietro di esse: dietro all’età adulta, ai doveri attesi dagli altri, alla paura competitiva ed egoista che qualcun altro ci sopravanzi; nessuno può essere rivoluzionario così. Il nostro Gavroche a inizio spettacolo non è un bambino, è un adulto, dei giorni nostri. Lo troviamo nel suo ufficetto, un lento trascorrere di tempo scaduto, vuoto, frenetico e sempre uguale che non può che culminare in un burnout. Proprio in quel momento riappare la sua anima, o meglio la sua vocazione, una creatura silenziosa, dalla pelle blu, smarrita ormai da tempo.

Sì, ma quando?

E perché?

Gavroche riavvolge il nastro e ripercorre tutta la sua vita, un viaggio di riconnessione interiore con i suoi sogni e il suo io bambino, alla ricerca di quel momento di smarrimento. Da lì bisogna ripartire. Un atto rivoluzionario di ricerca di se stessi in cui chiunque si può specchiare, con la consapevolezza che non è mai troppo tardi.

 


Ingresso unico: 5,00€


Per informazioni: www.auditoriumsettimo.com - www.semeionteatro.it - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. https://www.facebook.com/semeion.teatro